Mindful seeing: vedere con consapevolezza

“Sebbene molti di noi abbiano perso, sotto l’incessante bombardamento di immagini fotografiche e digitali che sperimentiamo quotidianamente, il dono del vedere, possiamo apprenderlo di nuovo e imparare a recuperare ancora e ancora l’atto di vedere le cose per la prima volta, ogni volta che le guardiamo. ”

(Frederick Franck, Zen Seeing, Zen Drawing)

Ci sono molti modi diversi di praticare mindful seeing, ovvero vedere con consapevolezza, attraverso l’osservazione di opere d’arte e attraverso la creazione artistica. Ecco alcune possibilità:

1. Vedi un’opera d’arte, non limitarti a guardarla

Ci si può sentire sopraffatti nei musei data la quantità di stimoli presenti. Rallentare e passare un po’ di tempo con un particolare dipinto o con una scultura è un modo per essere pienamente presenti con quello che si ha di fronte, invece di rimanere intrappolati in quello che si “dovrebbe” vedere o fare.

Dettagli di una scultura di Federico Zara, artista che ha a cuore l’ambiente e utilizza, per creare le sue sculture, solo materiali riciclati

  • Per prima cosa spegni i dispositivi elettronici.

Frederick Franck afferma: “Puoi guardare le cose mentre parli o con una radio a tutto volume, ma puoi vedere solo quando si interrompono le chiacchiere.”

  • Scegli un’immagine da contemplare.
  • Stando seduto o in piedi, guarda l’immagine scelta per almeno un minuto.

E’ un tempo più lungo di quanto si creda. Questo esercizio permette di rendersi conto della rapidità con cui di solito guardiamo un dipinto, una fotografia o una scultura.

  • Cosa puoi fare se durante il minuto di osservazione diventi irrequieto:
    • sposta lo sguardo per mettere a fuoco una parte diversa dell’immagine
    • scansiona lentamente l’immagine da un lato all’altro
    • avvicinati e allontanati molto lentamente dall’immagine.
  • Rispondi alle seguenti domande:
    • Cosa hai notato in questa immagine la prima volta che l’hai guardata?
    • Cos’altro hai notato mentre continuavi a guardarla?
    • Quali pensieri sono passati per la tua mente mentre guardavi l’immagine?
    • Quali sentimenti o ricordi ti ha evocato?

2. La tua finestra incornicia un’opera d’arte

Guarda la finestra che ti è più vicina come se fosse un dipinto o la foto di un paesaggio urbano.

 

  • Quali colori e motivi vedi?
  • Se fossi un pittore o un fotografo, come rappresenteresti questa immagine?
  • Come cambia l’immagine quando ci si sposta leggermente avanti e indietro, o quando si fa mezzo passo a destra o a sinistra?

3. Scatta una foto con consapevolezza

La selezione di un’immagine da fotografare può essere un ottimo modo per stare nel presente e praticare mindful seeing.

Rick Heller, in Secular Meditation, suggerisce di concentrarsi su “piccoli soggetti, cose che potresti incontrare  altre volte senza prestare loro alcuna attenzione”.

 

Quando un’allieva di Heller ha fotografato da vicino un piccolo fiore giallo un passante le ha chiesto se arrivasse da un altro paese e non avesse mai visto prima un dente di leone. Ecco, nel vedere consapevole è come se non avessimo mai visto prima un dente di leone.

Heller avverte che una parte importante di questa pratica è quella di notare le proprie emozioni, come ad esempio la smania di ottenere un’altra bella fotografia. A volte, il desiderio di scattare una bella foto può interferire con l’esperienza diretta di ciò che è presente.

4. Prova i libri da colorare.

Colorare è rilassante e permette di focalizzare l’attenzione sul presente.

Qualcuno potrebbe trovare troppo complesso il tipo di disegni dei libri da colorare rivolti agli adulti. In tal caso si può provare con i libri da colorare per bambini che sono più semplici ma possono risultare interessanti anche per un adulto.

5. Tratteggia uno schizzo

“L’arte è un modo naturale per praticare la consapevolezza. I colori, le trame e i suoni della creazione ci trascinano nel momento. Non hai bisogno di alcuna formazione precedente per meditare attraverso l’arte, solo la volontà di disegnare come un bambino, con libertà e senso di curiosità. “- Amy Maricle, artista, arte-terapeuta e fondatrice di Mindful Art Studio.

Non importa quanto tu sia abile, avvicinati all’arte con la mente di un principiante: concentrati sul processo di creazione piuttosto che sul risultato. Lascia andare il perfezionismo e concentrati sull’oggetto che è di fronte a te.

Inizia disegnando qualcosa che vedi ogni giorno, come la tua tisaniera, oppure prova a scarabocchiare una forma ripetitiva come diversi cerchi o triangoli. Non preoccuparti di rendere il disegno perfetto.

Schizzo della mia tisaniera preferita

 

Come in qualsiasi pratica di meditazione, si comincia con sessioni brevi e quando ci si sente a proprio agio, ci si può dedicare a questa pratica per periodi più lunghi.

  • Presta attenzione all’esperienza del disegnare. Nota le sensazioni che derivano dall’avere la matita, la penna o il pennarello nella mano. È liscio o ruvido, pesante o leggero? Scivola facilmente attraverso la pagina o richiede maggiore pressione per essere spostato?
  • Mentre osservi la tua creazione nota la natura delle linee e dei tratti sulla tua pagina. Sono compatti o irregolari? Chiari o scuri?
  • Invece di giudicare il tuo lavoro buono o cattivo, avvicinati al processo di creazione artistica con curiosità e accettazione.

 

Anche se per alcune di queste pratiche potrebbe essere utilizzato un computer (ad esempio si possono guardare riproduzioni di opere d’arte su schermo), è preferibile praticare nel mondo reale. La maggior parte di noi passa talmente tanto tempo a fissare gli schermi che guardare qualcosa che è fisicamente presente, ora, di fronte a noi, costituirebbe una benefica pausa per i nostri occhi e per la nostra mente.

Le fotografie presenti nell’articolo sono state scattate da me a casa e durante una passeggiata.

Fonte:

fonte: http://www.mindfulteachers.org/2016/08/contemplative-art-practice.html

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply