L’isolamento sociale è una minaccia per la salute

L’isolamento sociale e la solitudine aumentano significativamente il rischio di morte prematura.

Secondo i risultati di una ricerca presentata alla 125a Convention Annuale dell’American Psychological Association, la solitudine e l’isolamento sociale possono rappresentare un pericolo per la salute pubblica più dell’obesità e il loro impatto è cresciuto e continuerà a crescere.

Julianne Holt-Lunstad, PhD, professoressa di psicologia alla Brigham Young University ha dichiarato che “essere connessi socialmente con gli altri è considerato un bisogno umano fondamentale, cruciale sia per il benessere che per la sopravvivenza. Esempi estremi mostrano che i neonati che mancano di contatto umano non riescono a crescere e spesso muoiono, e in effetti, l’isolamento sociale o il confinamento solitario sono stati utilizzati come una forma di punizione. Tuttavia una parte crescente della popolazione statunitense ora sperimenta regolarmente l’isolamento”.

Si stima che circa 42,6 milioni di adulti, di età superiore ai 45 anni, negli Stati Uniti soffrano di solitudine cronica, secondo l’AARP’s Loneliness Study. Inoltre, i dati più recenti del censimento negli Stati Uniti mostrano che più di un quarto della popolazione vive da solo, più della metà della popolazione non è sposata e dal confronto con il censimento precedente, i tassi di matrimonio e di numero di bambini per famiglia sono diminuiti.

La Holt-Lunstad spiega che queste tendenze suggeriscono che gli americani stiano diventando meno connessi socialmente e sperimentino più solitudine.

Per illustrare l’influenza dell’isolamento sociale e della solitudine sul rischio di mortalità precoce, la Holt-Lunstad ha presentato i dati di due meta-analisi:

  • La prima ha coinvolto 148 studi, che rappresentano più di 300.000 partecipanti e ha scoperto che una maggiore connessione sociale è associata ad un rischio di morte precoce ridotto del 50 per cento.
  • La seconda meta analisi (che faceva riferimento a 70 studi che rappresentavano più di 3,4 milioni di individui provenienti principalmente dall’America settentrionale ma anche da Europa, Asia e Australia) ha esaminato il ruolo che l’isolamento sociale, la solitudine o il vivere da soli possano avere sulla mortalità. I ricercatori hanno scoperto che tutti e tre avevano un effetto significativo e uguale sul rischio di morte prematura, che era uguale o superiore all’effetto di altri fattori di rischio riconosciuti, come l’obesità.

“Ci sono prove robuste che l’isolamento sociale e la solitudine aumentino significativamente il rischio di mortalità precoce e la portata del rischio supera quella di molti dei principali indicatori di salute”, ha dichiarato la Holt-Lunstad. “Con l’aumentare dell’invecchiamento della popolazione, ci si attende solo che l’effetto sulla salute pubblica aumenti. Infatti, molte nazioni in tutto il mondo ora suggeriscono che ci si trovi di fronte ad “un’epidemia di solitudine”. La sfida che affrontiamo ora è cosa si possa fare a questo proposito”.

La Holt-Lunstad ha raccomandato che una maggiore priorità sia posta sulla ricerca e sulle risorse per affrontare questa minaccia per la salute pubblica dal livello sociale a quello individuale. Ad esempio, una maggiore enfasi potrebbe essere posta:

  • sulla formazione delle competenze sociali nei bambini nelle scuole;
  • sull’incoraggiare i medici ad includere la connessione sociale nello screening medico;
  • sull’incoraggiare le persone a prepararsi alla pensione dal punto di vista sociale oltre che finanziario, poiché molti legami sociali sono legati al posto di lavoro;
  • sul suggerire ai pianificatori di comunità di assicurarsi di includere spazi sociali condivisi che incoraggino la raccolta e l’interazione, come i centri ricreativi e i giardini comunitari.

 

Ricerca originale: Lo studio è stato presentato alla 125a Convention Annuale dell’American Psychological Association.

Fonte: American Psychological Association “So Lonely I Could Die: Social Isolation Greater Public Health Threat Than Obesity.” NeuroscienceNews. NeuroscienceNews, 6 August 2017.

http://neurosciencenews.com/social-isolation-epidemiology-7252/

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply